i tessuti e l’allergia

La pelle ha un ruolo fondamentale nel proteggere l’organismo umano dall’ambiente esterno, mentre il ruolo di protezione della pelle viene delegato, fin dall’antichità, agli indumenti che quindi dovrebbero proteggerci dagli agenti esterni.  Mentre in passato le sostanze che venivano a contatto diretto con la pelle erano di origine naturale ( animale o vegetale ),  durante il secolo scorso i chimici sono stati in grado di copiare i polimeri naturali e di formare polimeri da sostanze chimiche semplici arrivando a sintetizzare un gran numero di tipi di fibre differenti e, in ogni modo, ben distinte le une dalle altre (fibre artificiali).

Alle fibre artificiali sono poi aggiunte altre sostanze chimiche che conferiscono caratteristiche particolari ai tessuti.

Tra queste le più pericolose per la nostra pelle sono:

  • Ritardanti di fiamma bromurati e clorurati
  • Coloranti azoici
  • Antiparassitari
  • Fissativi
  • Composti organici stannici
  • Composti perfluoroclorurati
  • Clorobenzeni
  • Solventi clorurati
  • Clorofenoli
  • Paraffine clorurate a catena corta
  • Metalli pesanti
  • Componente sintetica
  • Carrier Alogenati

Queste sostanze quando vengono rilasciate nell’ambiente possono avere effetti davvero pericolosi sulla salute dell’uomo e di altri organismi, soprattutto se sono a diretto contatto con la pelle o se sottoposti a fonti di calore.

Considerando l’interazione dei tessili con l’epidermide umana , teoricamente le sostanze chimiche contenute nei materiali tessili destinati al consumo possono indurre:

  • irritazioni di tipo fisico;
  • effetti di tossicità locale
  • irritazioni di tipo chimico;
  • reazioni allergiche.

A partire degli anni 90, tuttavia, molti paesi hanno promulgato normative che vietano o restringono l’uso di sostanze chimiche pericolose nella produzione di materiali tessili per abbigliamento e altri usi. In aggiunta a tali normative, si sono affermati sul mercato alcuni marchi di etichettatura ecologica su base volontaria.

L’utilizzo di sostanze naturali nella composizione di tessuti (fibre di bamboo, fibre di legno, fibra di latte etc), nonché l’utilizzo di coloranti anche essi di origine naturale, può essere un importante ausilio per preservare le fisiologiche condizioni della cute e per il benessere generale.

 

Dott.ssa Lia Pirrotta

 

Specialista in Allergologia ed Immunologia clinica

 

Consulente scientifica

 

www.mynaturaldream.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *