Il prick test, o test per scarificazione

Questo tipo di test viene usato per la diagnosi di : rinite allergica, asma allergico, congiuntivite allergica, orticaria allergica, dermatite atopica.

Come viene eseguito:

  1. il paziente si presenta in studio dopo un’astensione da cortisonici ed antistaminici peri una settimana.
  2. Dopo un’accurata sterilizzazione della cute dell’avambraccio vengono praticate delle piccole scarificazioni, quasi indolori, con un apposito strumento di plastica “usa e getta” (FOTO)
  3. Vengono ora poste in corrispondenza delle scarificazioni piccole goccioline contenenti vari allergeni; più un controllo “negativo” (acqua e sale), ed un controllo “positivo” (istamina, la sostanza che inocula la zanzara quando ci punge.
  4. Il paziente si accomoda in sala d’attesa per 20/30 minuti.
  5. Trascorso questo tempo il medico controlla le reazione del braccio.
  6. Ovviamente il controllo negativo non deve manifestare alcuna modificazione, mentre quello con l’istamina deve mostrare un pomfo dopo circa 15 / 20 minuti. La mancanza della comparsa del pomfo indica che il paziente è sotto l’azione di antistaminici o cortisonici e pertanto viene invitato a tornare dopo una settimana.
  7. Accertata la validità dei test positivo e negativo si procede a controllare le gocce che contengono i vari allergeni, a seconda della grandezza del pomfo verrà indicata la positività a detto allergene con una scala di valori +, ++, +++, ++++.
  8. I pomfi formatisi in seguito al test scompaiono come una normale puntura di zanzara in un paio d’ore.

Commenti chiusi